• Slide
  • Slide

UN MARE DI DIVERTIMENTO

E RELAX PER LE TUE VACANZE

Escursione

Costa d'Argento

Isola del Giglio

 

Isola del Giglio è un comune italiano di 1.465 abitanti della provincia di Grosseto in Toscana.

Prende il nome dall'omonima isola dell'Arcipelago Toscano e comprende anche l'Isola di Giannutri, situata alcuni chilometri a Sud-Est.

I collegamenti con la terraferma sono garantiti da traghetti con imbarco a Porto Santo Stefano, gestiti dalle compagnie di navigazione Maregiglio e Toremar. Nei mesi estivi l'accesso all'isola con veicoli è condizionato al pagamento di una piccola quota.
L'isola deve il suo nome al termine greco aigylion e dalla successiva trasformazione latina aegilium, in riferimento a popolazioni di capre selvatiche.Il territorio comunale, che interessa l'Isola del Giglio propriamente detta, è quasi completamente collinare e la cima più alta, il Poggio della Pagana, raggiunge i 496 metri s.l.m. nella parte interna centrale dell'isola. La composizione geologica è prevalentemente granodioritica. Il perimetro costiero è di 27 km ed è in larga parte roccioso, tranne che in alcuni punti, dove si aprono la spiaggia del Campese e altre spiagge minori situate sul versante orientale dell'isola (Arenella, Cannelle e Caldane).


Flora
La spiaggia dell'Arenella con sullo sfondo il Monte Argentario.

Come in quasi tutte le isole dell'Arcipelago Toscano, la vegetazione dell'Isola del Giglio era costituita anticamente da leccete, che ricoprivano quasi tutta l'isola. Fino dall'antichità, lo sviluppo dell'agricoltura, l'allevamento e gli incendi hanno alterato l'ambiente naturale e provocato la scomparsa di gran parte di questa vegetazione che oggi, con il passaggio da un'economia agricola al turismo, si sta lentamente ricostituendo. L'antica vegetazione che dominava l'isola, caratterizzata da macchia mediterranea di lecci e sughere con erica e corbezzolo, caprifoglio (Lonicera implexa), strappabrache (Smilax aspera), robbia (Rubia peregrina) ciclamini (Cyclamen repandum e Cyclamen neapolitanum), si trova ancora sul Promontorio del Franco lungo la costa occidentale a sud di Giglio Campese, oltre che sul versante est di Poggio del Castello e nella Vallata del Molino. Negli anni cinquanta le pendici del Poggio della Pagana sono state rimboschite con pini domestici e marittimi. Fino a pochi decenni fa su quasi l'intera superficie dell'isola erano stati ricavati terrazzamenti con muri a secco di granito (detti greppe), alcuni dei quali sono ancora coltivati a vigneto per produrre il vino gigliese, che rientra nella medesima denominazione di origine controllata e nel relativo disciplinare di produzione dell'Ansonica Costa dell'Argentario. La maggior parte dei terrazzamenti è stata tuttavia abbandonata e viene lentamente colonizzata da una bassa gariga ad elicriso e successivamente di cisto.
Fauna
La spiaggia delle Cannelle.

La fauna terrestre dell'isola non presenta grande varietà, limitandosi al coniglio selvatico, alla crocidura minore, al topo selvatico ed al muflone, importato di recente e poco diffuso. Sono invece ben rappresentate le specie di pipistrelli (il molosso di Cestoni, il miniottero di Schreiber, il pipistrello nano, il pipistrello albolimbato, la nottola, il pipistrello di Savi, il serotino comune, l'orecchione bruno e l'orecchione grigio). Tra le specie di uccelli nidificanti e svernanti sono da segnalare: il marangone dal ciuffo, l'albanella reale, la poiana, il gheppio, il falco pellegrino, il gabbiano corso, il gabbiano reale, il beccapesci, il piccione selvatico, la tortora, il barbagianni, l'assiolo, la civetta, il succiacapre, il rondone pallido, la passera scopaiola, il sordone, il codirosso spazzacamino, il passero solitario, la monachella, la magnanina, il corvo imperiale e lo zigolo nero. La fauna ittica è quella tipica del Tirreno, con ancora una popolazione ben conservata di Pinna nobilis (bivalve noto localmente come nacchera), qualche cernia, dentici, saraghi, ricciole e numerosi e multicolori Labridi.

L'isola riveste un grande interesse per la pratica della subacquea, ed è ritenuta spessocome una delle più amate dai sub in Italia. È nota per via delle immersioni poco impegnative, ma soprattutto per le bellissime gorgonie rosse visibili oltre i 35 metri di profondità, accompagnate da un ricca fauna marina caratterizzata anche da rarità, come le stelle marine della specie Astrospartus mediterraneus, dette stelle gorgone.

 

Prenota online


Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4
Protected by Verisgn Informazioni protette con certificato SSL 128 bit

News & Offerte

 

OFFERTA DA NON PERDERE!! DAL 22 AL 29 LUGLIO!

 

ULTIMI BUNGALOW IN MURATURA DISPONIBI ......

Dettagli

 

SUPER OFFERTA!!

 

DAL 29 LUGLIO AL 05 AGOSTO ULTIMO BUNGALOW QUADRILOCALE IN MURATURA 

Dettagli

 

IL TUO AGOSTO LAST MINUTE!!

 

Affrettati, prenota entro il 26/07

Dettagli

 

OFFERTA ROULOTTE DAL 23 AL 30 LUGLIO

 

ROULOTTE ATTREZZATA AFFITTO SETTIMANALE FINO A 4 POSTI SCONTO DE ......

Dettagli

 

OFFERTA SPECIALE AGOSTO

 

DAL 05 AGOSTO AL 12 AGOSTO ......

Dettagli

 

OFFERTISSIMA!

 

DUE SETTIMANE IN BUNGALOW DAL 29 LUGLIO AL 12 AGOSTO!! ......

Dettagli

 

ROULOTTE IN AFFITTO A PREZZI STRACCIATI!

 

Dettagli

 

OFFERTA BUNGALOW AGOSTO

 

DAL 26 AGOSTO AL 02 SETTE ......

Dettagli

 

OFFERTA AREA CAMPING!

 

DAL 1 AGOSTO AL 29 AGOSTO 2017   ......

Dettagli